Open post
Self-Brett brandizzato per Enartis

Self-Brett® nel mondo

Grazie al Simei, Self-Brett® oltrepassa i confini dell’Italia e viaggia per il mondo Grape ha partecipato all’edizione del 2019 del Simei, un’importante fiera di settore a livello nazionale ed internazionale. Qui l’azienda ha presentato Self-Brett®, l’innovativo kit di auto-analisi del Brettanomyces. Ed è proprio grazie all’esperienza del Simei che Grape ha avuto l’occasione di conoscere […]

Leggi tuttoMore Tag
Open post
il chitosano agisce sul Brettanomyces

Chitosano: il principale alleato contro il Brettanomyces

L’utilizzo del chitosano nei vini risulta essere una strategia vincente contro il Brettanomyces. Ad oggi l’Anidride Solforosa viene utilizzata come metodo principale per limitare o eliminare l’azione del Brettanomyces bruxellensis sui vini. Tuttavia i solfiti possono talvolta causare reazioni allergiche (Vally & Thompson, 2001) e inoltre l’efficacia contro il Brettanomyces spp. non è assicurata in […]

Leggi tuttoMore Tag
Open post

Brettanomyces ed il suo “stato silente” VBNC

Cos’è lo stato VBNC? Perché è così pericoloso? Le tecniche microbiologiche basate sulla coltivazione in terreni di coltura, data la loro economicità, sono ad oggi le più utilizzate per l’analisi della presenza di Brettanomyces spp nel vino. Tuttavia, in alcuni casi, questo lievito da deterioramento del vino non viene rilevato. Perché? Alcuni vini presentano un aroma […]

Leggi tuttoMore Tag
Open post

Resistenza all’anidride solforosa

Per prevenire contaminazioni e deterioramenti del vino dovuti alla presenza di Brettanomyces bruxellensis vengono generalmente usati diversi trattamenti. Tra questi possiamo trovare dei trattamenti fisici, come filtrazione a membrana o pastorizzazione flash, o chimici come aggiunta di chitosano e solfitazione (aggiunta di anidride solforosa). Quest’ultima è di solito l’arma più usata dai produttori di vino […]

Leggi tuttoMore Tag

Navigazione articoli

1 2
Scroll to top